4 dicembre 2016

Qualche riflessione sul Papa attuale e i tempi che corrono

E’ da tempo che volevo scrivere questo post per dire ciò che penso del Papa attuale, di quello che ha preso il nome di Francesco, al secolo Bergoglio e dei tempi che stiamo vivendo, ma ho sempre rimandato perché tra me e me mi sono sempre detto: e se mi sbagliassi? Infatti “chi sono io per giudicare?” 
 
La prudenza non è stata mai il mio forte e prego il Signore che mi faccia crescere in questa virtù. Ma sono anche convinto che la troppa prudenza alle volte può sfociare nella viltà.

1 novembre 2016

Gli indizi dell’esistenza di Dio – parte 2^ - alcuni eventi miracolosi


In questa seconda parte parlo di alcuni ‘eventi’ che per la Scienza non sarebbero potuti accadere. La scelta era molto ampia, ma ho preferito elencarne solo tre, quelli che conosco  un po’ meglio e che sono molto noti. Diciamo che sono veramente eclatanti e che ancora oggi fanno discutere. Questi sono il ‘il miracolo del sole a Fatima’, la ‘Sindone’  e il ‘il miracolo eucarisitco di Lanciano’.
Di questi tre, gli ultimi due sono rimasti impressi nella materia. Sono dei ‘manufatti’ che sembrano avere dentro come una 'impronta' misteriosa e  che parrebbero dirci che durante i fatti di cui sono 'il prodotto' le leggi della natura potrebbero forse essere state  ‘sospese o guidate'. Insomma potrebbero costituire degli 'indiz'i che indicano che il 'Soprannaturale' avrebbe in qualche modo fatto irruzione nell'ambito 'naturale'...


29 ottobre 2016

Gli indizi dell’esistenza di Dio – parte 1^ - I mistici


Chi ha avuto modo di dare un’occhiata ai post che ho scritto e pubblicato in questo mio Blog finora, ha senz’altro notato che la mia fede in Dio è presente in ogni mio concetto e discorso, anche quando parlo di Scienza. Questo è perché se credi in Dio veramente non puoi fare a meno di riferirti a Lui in ogni istante triste o felice della tua vita terrena. Essere convinti fermamente e al di là di ogni ragionevole dubbio che Dio c'è ti cambia l’esistenza e soprattutto gli obiettivi di essa. 
Provo pena verso quelli che non credono perché sono i veri poveri, perché non posseggono questo tesoro inestimabile che è la compagnia e l’amicizia dell’Altissimo e perché anche se spesso non lo ammettono sono permeati dall’angoscia della scomparsa e dell’annichilimento finale delle loro vite e dei loro cari. 

7 ottobre 2016

Sull’ultima settimana del Profeta Daniele

Il Profeta Daniele - Cappella Sistina
Prima di iniziare voglio dire che quello che segue è solo un tentativo di interpretare, a partire da certe ipotesi,  alcuni periodi di cui parla la Bibbia, in particolar modo quelli dell libro del profeta Daniele (3).  
Così come avviene in qualunque ragionamento, partirò da ipotesi che riterrò vere a priori e da quelle dedurrò delle conseguenze. Ovviamente se non fossero ‘vere’ queste ipotesi di partenza (e saranno almeno sei, come vedremo) allora anche le conclusioni sarebbero false.

Come avevamo visto nel precedente post sulle 70 settimane di Daniele, dopo avere scoperto il modulo di tempo di Vidal di 868 giorni (5) (6) e averlo applicato alla profezia biblica delle ultime 70 settimane di Daniele, abbiamo trovato che una settimana di Daniele, secondo questa ipotesi, corrisponderebbe all'incirca a 28 anni e mezzo e perciò le 70 settimane a circa 1996 anni in totale. Se facciamo l’ulteriore ipotesi che le 70 settimane siano iniziate alla data della morte di Gesù Cristo avvenuta, in base a quanto ho cercato di dimostrare in questo altro post,  il giovedì 2 Aprile del 33 d. C.,  ne viene che l'ultima settimana dovrebbe essere iniziata il 28/12/2000 e dovrebbe finire il 5/7/2029.

30 agosto 2016

Se è eretico non è Papa.

In questo periodo sta facendo scalpore l’iniziativa di 45 intellettuali, studiosi e teologi cattolici, che hanno inviato a Bergoglio una lettera in cui gli si chiede di chiarire se non di correggere alcuni punti secondo il loro parere poco chiari, o addirittura al limite dell’eresia, presenti nella sua esortazione post-sinodale Amoris Laetizia’.

Da ciò ne è nato un dibattito sul dilemma se un Papa possa o meno cadere in eresia e in quest’ultimo caso se è lecito deporlo. Ho letto il parere del teologo Nunzio Nitoglia e devo dire che nonostante il linguaggio un po’ tecnico da quello che ho capito egli sostiene che anche se i teologi del passato e Dottori della Chiesa hanno considerato la possibilità solo teorica, ma non attuabile, che un Papa possa cadere in eresia (cioè ammesso e non concesso) allora il presunto Papa eretico sarebbe deposto ipso facto o dovrebbe essere deposto dall’Episcopato e dai Cardinali.

11 luglio 2016

Dante precursore di Einstein

Dante precursore di Einstein? E' il quesito che mi sono posto ultimamente dopo aver letto un libro divulgativo sulla gravità quantistica...
 
Il libro è di Rovelli – La realtà non è come ci appare – ed è uscito nel 2014 (1). L'autore è un fisico teorico che da anni, insieme ad altri ricercatori, cerca di mettere assieme e far andare d'accordo la Meccanica Quantistica e la Relatività Generale. 

L'opera l'ho trovata interessante anche se in verità non mi è piaciuta del tutto, per svariate ragioni che magari spiegherò in un altro post. Ma quello che mi interessa dire ora è che in essa ho trovato alcune pagine in cui lo scienziato parlando della struttura del Cosmo teorizzata dalla Relatività Generale di Einstein accenna al fatto che forse Dante aveva già intuito questa struttura e la prova di ciò si troverebbe nella Divina Commedia. 

21 giugno 2016

Caratteristiche sorprendenti della Meccanica Quantistica

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia.” (W. Shakespeare, da “Amleto”)

Sto seguendo un corso universitario di Fisica Moderna e nell'affrontare la Meccanica Quantistica ho rivisitato alcune delle caratteristiche che sin da quando ero studente mi hanno sempre affascinato, e adesso che giovane non sono, riflettendoci su, ancora mi sorprendono, vuoi per la loro 'stranezza' vuoi perché sicuramente sottintendono qualcosa di più profondo ancora inesplorato e inspiegato inerente la realtà. 

La Meccanica Quantistica (che indicheremo brevemente con MQ) fu scoperta nei primi anni trenta del '900 e ha rappresentato una vera rivoluzione paradigmatica nell’ambito della Fisica, talmente lontana dal senso comune classico della rappresentazione della natura che la discussione su come interpretarla non ha avuto ancora termine. Vediamo alcune di queste sue 'strane' caratteristiche...

19 maggio 2016

Pannella e i miei errori di gioventù...


Quando ero giovane militai per alcuni anni nell'Associazione Radicale, piccola cellula del 'Partito Radicale'. In quel periodo avevo perso la Fede della mia infanzia e, un po' perché mi sentivo oppresso e un po' perché avevo pochi amici, avevo deciso di uscire dal mio guscio e fare qualcosa per cambiare la società. Credo che tutti i giovani abbiano un forte desiderio di modificare le cose attorno a se, perché è tipico della loro età essere scontenti. Cercano di agire, quando ne intravedono la possibilità, ma spesso per mancanza di esperienza e difetto di riflessione, scelgono di farlo nella maniera sbagliata.

4 maggio 2016

Crociere per anziani

Ultimamente mi è toccato leggere una notizia che mi ha confermato il fatto che spesso l'economia e il denaro sono considerati più importanti della vita umana. E' verità terribile ma ovvia, e lo sta a dimostrare la storia dell'umanità zeppa di guerre fatte per interesse meramente economico. Ma almeno le guerre sono stati fatti tragici limitati nel tempo, una specie di impazzimento collettivo a cui sono succeduti periodi di relativa pace e tranquillità, eventi comunque sempre stigmatizzati e considerati negativi proprio perché hanno causato la morte di tantissimi innocenti.

18 aprile 2016

Danze infernali

Particolare di scena infernale - Duomo di Orvieto

Un tempo per ballare bisognava conoscere i passi. I balli classici erano infatti ben codificati. Con la nascita del Rock and Roll, sono venuti fuori dei balli ancora regolati ma più semplici, però con movimenti più spinti, in essi infatti i moti del corpo e del bacino assumevano un ruolo importante.  
 
Negli anni settanta e ottanta spuntarono i balli in cui una musica un po' più ritmata,  melodiosa e orecchiabile, permetteva dei movimenti liberi, infatti ognuno si esprimeva spesso in solitaria con gesti del corpo secondo la sua ispirazione.  Li ho eseguiti anch'io, erano quelli della Febbre del Sabato sera e della Disco-music, per intenderci. Dopo quel periodo non sono mai più andato a ballare. 

22 marzo 2016

La vita nell'Universo.

Oggi ho assistito ad una conferenza sulla ricerca della vita nell'Universo.
Partendo dal progetto ambizioso e forse un po' ingenuo chiamato SETI, con l'esplorazione di diverse zone della nostra Galassia tramite radiotelescopi per cercare eventuali segnali radio segno della presenza di intelligenza extraterrestre, considerato che dopo quasi 50 anni il risultato è stato 'niente di niente', per dirlo con le stesse parole usate dal conferenziere, si è passati alla ricerca di forme di vita elementare in pianeti o satelliti che orbitando attorno alle loro stelle nelle zone 'che potrebbero permettere la vita' sono candidati allo scopo. 
 
Ad oggi sono stati scoperti almeno 200 pianeti che simili alla Terra per condizioni fisiche, presenza di acqua liquida, atmosfera e temperatura non estrema, potrebbero ospitare la vita. Si pensa che nella nostra Galassia ce ne siano intorno ai 4 miliardi. E si è stimato che nel nostro Universo dovrebbero esserci intorno a 5 mila miliardi e forse più di pianeti abitabili...

21 marzo 2016

Gesù Cristo è morto di Giovedì?

In un precedente post dal titolo "Le 70 settimane di Daniele e gli Ultimi Tempi " ho accennato al fatto che secondo qualche studioso Gesù potrebbe anche essere morto il Giovedì della settimana della Passione e non il Venerdì come quasi unanimemente si crede e accetta. Tanto è bastato per scatenare i commenti anche sarcastici di alcuni lettori a cui ogni possibile variazione su quanto si dà per scontato sembra bestemmia o eresia.
Facendo delle riflessioni o speculazioni in ambito religioso si rischia sempre di andare contro qualche dogma o insegnamento fissato dalla dottrina:  se dovesse succedere ciò sono pronto a correggere il tiro, ma non certo per paura di roghi virtuali che novelli Torquemada (protetti dall'anonimato) accendono nella rete, ma perché sono conscio del fatto che esistono verità accertate e accettate, magari dopo secoli di discussioni teologiche ad altissimo livello, che sarebbe da incauti e presuntuosi mettere in dubbio. Premesso ciò però...

4 marzo 2016

Del complesso di inferiorità di alcuni credenti di fronte alla Scienza

Ultimamente mi è capitato di leggere degli articoli il cui titolo era del tipo “Einstein, grande scienziato, era credente”, “Quasi tutti i più grandi scienziati del passato credevano in Dio” e così via. 

Devo confessare che quando avevo una fede insicura ero in qualche modo confortato da queste affermazioni, ora invece, da quando la mia Fede si è trasformata in convinzione, queste mi sembrano asserzioni  che manifestano in qualche modo un senso di timore e inferiorità del credente verso lo scienziato, una specie di conferma del fatto di ritenere, da parte di chi proclama ciò, che la Scienza sia  superiore alla Religione, cioè che la ragione sia prevalente rispetto alla fede.

7 febbraio 2016

La teoria dei sei gradi di separazione e la vera connessione con gli altri

Quando anni fa, ancor prima che fosse inventato internet, venni a conoscenza della teoria dei sei gradi di separazione rimasi veramente sorpreso nel constatare quanto sia piccolo il mondo in cui cui troviamo e di come ogni essere umano sia in qualche modo connesso ad ogni altra persona che vive sul Pianeta.



2 gennaio 2016

Profezie, veggenti e novelli Inquisitori


Ogni volta che pubblico un post in cui riporto messaggi di presunti veggenti, nonostante di solito avvisi di non sapere se questi siano da ritenere autentici o meno, in quanto questo non spetta a me deciderlo, ricevo commenti di lettori che mi rimproverano, avvertendomi che quelli da me considerati sono falsi profeti e che invece i veri sono quelli di cui loro immancabilmente allegano il link.

Hanno i loro esaltati fans ed altrettanto numerosi acerrimi oppositori praticamente tutti i mistici e  veggenti esistenti. Il problema è che se si dovessero considerare vere le diverse opinioni, si dovrebbero ritenere tutti i veggenti come veri e falsi nello stesso tempo, in barba al Principio di non contraddizione.

21 dicembre 2015

L' Avvertimento è vicino?

Siccome dai messaggi di alcuni veggenti l'Avvertimento sembrerebbe essere un avvenimento abbastanza vicino, ripropongo un post di qualche tempo fa, aggiungendo un ulteriore recentissimo messaggio:

L’Avvertimento dovrebbe essere un evento non ‘fisico’ ma di carattere spirituale, senza precedenti nella storia dell’umanità, che dovrebbe accadere secondo dei veggenti tra  non molto tempo, forse a ‘breve’.
Esso dovrebbe essere costituito da una specie di forza che dovrebbe scuotere la coscienza degli uomini, provocando grande turbamento dell’essere a livello emotivo, psicologico e spirituale non producendo però danni fisici diretti. Durante questo evento ogni essere umano dovrebbe avere come una visione interiore della propria anima e del suo stato. E' come se dovesse poter giudicare il suo intimo così come lo valuta Dio.

14 dicembre 2015

L'Amore e l'Oblio Divini

Alle volte mi chiedo a cosa possa somigliare l'Amore dell'Altissimo.

Nella Genesi è scritto che Dio ci ha fatto a Sua immagine e somiglianza. Allora forse le dinamiche amorose umane rispecchiano in qualche modo quelle divine.

Perciò...forse l'Amore divino può essere paragonato alla perfezione di tutti i tipi di amore che noi umani sperimentiamo nel nostro pellegrinaggio terreno, quelli che cerchiamo in continuazione,  che ci provocano dolore e nostalgia se li perdiamo . 

Sicuramente è come l'amore tenero di una mamma per il suo bambino, o quello fermo e affettuoso di un padre verso i suoi figli, o quello appassionato dello sposo verso la sposa, o quello struggente dell'innamorato verso la persona amata, o  quello fidato di un amico sincero, o, perchè no, come quello di un padrone verso il suo cagnolino. E potremmo continuare con numerosi altri esempi. Tutti questi amori però non danno che una pallida idea di quello che può essere quello divino. Consideriamo l'essenza profonda di questi amori, eleviamola all'infinito e forse avremo una pallida idea di quello che esso potrebbe essere.

9 dicembre 2015

Può un fisico credere in Dio?

Mi imbatto spesso in studenti (e non solo) che con l’aria tra lo stupito e il canzonatorio si rivolgono a me con domande del tipo ‘ma lei che è laureato in Fisica e la insegna come fa a credere in Dio?’
Alle volte mi chiedo com’è possibile che la maggior parte dei giovani (e in generale dei miei contemporanei) sia diventata così  agnostica o atea.

Molti sono convinti che la Scienza abbia dimostrato che Dio non c'è. Ma quando dico che è  facile provare che qualcosa esiste ma molto più difficile e alle volte impossibile dimostrare che non esiste, i miei interlocutori rimangono perplessi e un po’ increduli.

Gli uomini di oggi, soprattutto tanti tra quelli che si definiscono ‘scienziati’, sono più disposti a dar credito a ipotesi del tipo ‘ci sono infiniti universi e quindi infinite copie di noi stessi’ anziché all'affermazione  ‘Dio esiste’. Eppure oltre a motivazioni di carattere logico e filosofico, sono convinto che fatti che costituiscono indizi dell’esistenza divina ce ne siano molti, mentre ad esempio non si è a conoscenza di prove che confermino la realtà di un numero infinito di universi. Si ricorre a questa ipotesi estrema forse perché pressati dall’evidenza logica che il ‘caso’ non può aver creato l’esistente, soprattutto la vita, almeno che esso non abbia avuto modo di giocare innumerevoli volte su infiniti tavoli da gioco, quindi in infiniti universi.

26 novembre 2015

Terrorismo ISIS ed esperienze di Premorte

Qualche tempo fa, prima delle stragi terroristiche di Parigi, avevo letto su un giornale online una notizia che mi aveva sorpreso. Essa riferiva che un miliziano ISIS, gravemente ferito al confine con la Siria, era stato trovato da missionari cristiani della regione ma, sebbene fosse stato ritenuto morto, dopo essere stato trasportato per essere sepolto si era rianimato e aveva raccontato che nel periodo in cui non dava segni di vita aveva avuto una esperienza di premorte. Dopo essere guarito dalle ferite e a seguito di questo evento aveva abbandonato l'islamismo e si era convertito al cristianesimo.

23 novembre 2015

L'Inferno

Mi sono domandato spesso perchè esiste l'Inferno  e come possa accordarsi con l'attributo della infinita misericordia divina.
Che esista un inferno per i malvagi e un paradiso per i buoni è credenza di tutte le religioni che si sono susseguite sin dalla notte dei tempi nel corso della storia.
E in particolare per il Cristianesimo possiamo dire che ben quattordici volte Gesù nei Vangeli parla di un inferno eterno e forse anche di più i suoi apostoli.
Così come stabilito da papa Benedetto II e numerosi concili successivi, è verità di fede che dopo la morte vi è un giudizio particolare e che l'anima anche se priva temporaneamente del corpo va subito o all'inferno, o in purgatorio o in paradiso.
Essendo Dio infinitamente buono, nel  donare l'esistenza alle sue creature, non aveva pensato di creare anche l'Inferno. Questo fu costretto a farlo solo a causa della ribellione di alcuni, in primis di Lucifero e poi degli altri angeli che lo seguirono.
Insomma, l'Inferno esiste perché così hanno voluto alcune creature, non Dio!

5 novembre 2015

La lotta in atto e i polli di Renzo ...

Anche gli Angeli in questo momento storico sembrano perplessi..
Alle volte provo a leggere su alcuni blog i commenti su quello che Bergoglio ha fatto o fa e il loro tono mi fa capire che è in atto una guerra  tra cattolici.. e non solo.

Grosso modo la situazione è questa: Bergoglio è circondato dai suoi che lo difendono sempre e comunque, pur arrampicandosi alle volte sugli specchi; poi sono schierati i cosiddetti cattolici tradizionalisti, nelle cui file credo di trovarmi - se proprio devo mettermi, anche se controvoglia, una etichetta - e che esprimono spesso dubbi, quando non critiche abbastanza palesi, nei confronti dell'operato e delle parole di questo Papa; per finire, dietro di questi, si sono appostati quasi come cecchini, i cattolici tradizionalisti pentiti e risentiti che presi da Papismo conpulsivo, da scrupoli basati sul fatto che "il Papa è sempre il Papa" e che "la figura del Papa non si tocca" ecc., si divertono a colpire i  tradizionalisti, rei di non rispettare il Primato petrino. 

23 ottobre 2015

Medaglia Miracolosa versione 2.0

Alcuni anni fa una parente mi regalò una medaglietta miracolosa, quella dell'apparizione della Madonna a Caterina Labouré nel novembre del 1830 in Rue de Bac a Parigi e chiamata ‘Medaglia Miracolosa’. 
La medaglietta fu disegnata su istruzione della Vergine ed è visibile  nella foto. Essa da una parte riporta l'immagine di Maria con la scritta "O Maria concepita senza peccato, prega per noi che ricorriamo a te" e dall'altra, quella della foto, una M sormontata da una Croce, attorniata da 12 stelle a 5 punte, con alla base due cuori, uno trafitto da una spada, perciò della Vergine, e uno ferito con sopra del fuoco e circondato di spine, quindi del Sacro Cuore.
Il disegno ricalcherebbe quello visto dalla veggente durante l'apparizione, tanto preciso nei particolari che addirittura uno scrittore, Martinez Vidal (1), pensò di usare lo stesso schema, sovrapposto al grafico lineare delle date di apparizioni mariane di cui ho parlato in questo post, per dedurre un messaggio profetico sugli ultimi Tempi. Senza arrivare a questi estremi, credo che la medaglia dovrebbe essere come la veggente l'ha vista, drastiche variazioni infatti potrebbero forse inficiarne il valore originario.

28 settembre 2015

Alcune considerazioni di un “tradizionalista impertinente” sul Papa attuale

Stiamo vivendo momenti singolari nella Storia della Chiesa. Siamo infatti in un tempo in cui si è dimesso un Papa e ne è stato eletto un altro e ambedue coabitano in Vaticano. Non era mai successo che ci fossero un Papa emerito e un altro regnante...

21 settembre 2015

La vera data di nascita di Gesù.

Come saprà il visitatore che ha letto gli ultimi miei post, è da un po’ che mi interesso delle date relative agli eventi cardine del cristianesimo. E questo soprattutto perché ho notato che quando si va ad indagare su di esse si scoprono delle corrispondenze numeriche che forse non sono casuali. Ho già parlato nel precedente post della probabile data di morte di Gesù Cristo (giovedì 2 aprile del 33 d.C. in calendario giuliano), in questo post tratterò il problema della sua data di nascita.

20 luglio 2015

La data della Morte di Gesù Cristo e il Segno di Giona

Nel precedente post "Le 70 settimane di Daniele e gli Ultimi Tempi " ho accennato al fatto che secondo qualche studioso Gesù potrebbe anche essere morto il Giovedì della settimana della Passione e non il Venerdì come quasi unanimemente si crede e accetta. Tanto è bastato per scatenare i commenti alle volte anche alterati di alcuni lettori a cui ogni possibile variazione su quanto si dà per scontato sembra bestemmia o eresia.
Facendo delle riflessioni o speculazioni in ambito religioso si rischia sempre di andare contro qualche dogma o insegnamento fissato dalla dottrina:  se dovesse succedere ciò sono pronto a correggere il tiro, ma non certo per paura di roghi virtuali che novelli Torquemada (protetti dall'anonimato) accendono nella rete, ma perché sono conscio del fatto che esistono verità accertate e accettate dopo secoli di discussioni teologiche ad altissimo livello che sarebbe da incauti e presuntuosi mettere in dubbio.

30 giugno 2015

Le 70 Settimane di Daniele e gli Ultimi Tempi

Ci sono alcuni passi della Bibbia in cui si profetizza con dei numeri il futuro relativo agli Ultimi Tempi, come ad esempio in quello di Geremia, in cui si accenna ad un periodo di Settanta Anni (1) o nel libro di Daniele, in cui si parla di Settanta Settimane (3).
La profezia di Geremia è precedente a quella data a Daniele e anzi quest’ultima è stata fornita come chiave interpretativa della prima, poiché Daniele cercava di capire il significato dei 70 anni di Geremia e non riuscendoci e chiedendo una ispirazione soprannaturale (2) gli fu risposto fornendogli un periodo altrettanto misterioso, quello delle 70 settimane (3).
Gli fu però anche detto che queste ‘durate’ venivano specificate per permettere di calcolare ‘il tempo della fine’,  ma che il loro significato sarebbe rimasto ‘sigillato,’ cioè nascosto, oscuro, fino a poco prima di quel periodo cruciale (4).

15 giugno 2015

Buonismo

Come ogni anno in questo periodo di scrutini scolastici finali, quelli in cui si decide se uno studente deve essere promosso, rimandato o bocciato (1), mi viene da riflettere sui danni provocati dal buonismo, dalla filosofia del sei politico che a parole non c’è, ma che nei fatti imperversa sovrana .
Ho provato  a darmi qualche spiegazione del perché nella scuola ormai molti docenti assumono un atteggiamento che io e pochi altri colleghi riteniamo troppo ‘indulgente’ e  - pur essendo consapevole che come tutte le diagnosi sulle cause del comportamento umano, esse non possono applicarsi alla totalità dei casi né possono ritenersi esaustive - provo a parlarne in questo post, almeno per dare un po’ di sfogo alla mia frustrazione (2)…

13 maggio 2015

Il miracolo del Sole a Fatima

Oggi è il 13 maggio festa  della Madonna di Fatima. In quell'apparizione avvenne il cosiddetto 'miracolo del Sole'. Per l'occasione ripubblico un post che ho scritto qualche tempo fa, in cui  ho analizzato la cronaca del fatto tentando così di capire se il 'fenomeno' possa essere accaduto veramente. La conclusione è stata positiva a causa della scoperta di un indizio importante e cioè del verificarsi di un particolare evento fisico avvertito dai presenti ma finora considerato secondario...

19 aprile 2015

Sorprendenti corrispondenze numeriche nelle date di Gesù e Maria

In seguito alla lettura di un libro (1) in  cui l’ingegnere spagnolo Carlos Vidal Martinez descriveva una legge, da lui scoperta, relativa alla esistenza di una relazione lineare tra giorno di presentazione (D) e ora solare locale (HSL) nelle apparizioni mariane, dopo aver fatto una verifica dei dati forniti, avendoli trovati coerenti con quanto affermato, tempo fa ho composto e pubblicato un post.

La scoperta di questa legge venne fatta da Vidal dopo aver contato il numero di giorni  intercorrenti tra l’apparizione de La Salette (19 settembre 1846) e quella di El Escorial (15 novembre 1980), che sono esattamente 49000. A partire da questo dato,  calcolò un ‘modulo’ di tempo, una specie di ‘anno celeste’, di 868 giorni che lui stesso chiamò ‘Tempo’.

30 marzo 2015

Per l' amore di Dio, apri questa porta!

Doloroso e sconvolgente, cos’altro si può dire sull'episodio dell'aereo fatto schiantare sulle Alpi francesi qualche giorno fa? Come è potuto accadere che un essere umano nella sua furia suicida, per quanti problemi possa aver avuto o soprusi aver subito, abbia portato a compimento il tragico proposito di strappare alla vita se stesso e altre 149 persone innocenti?

Da quando è successo questo fatto, di quell'aereo  lasciato cadere consapevolmente e a sangue freddo  sulle Alpi - contro cui si è sfracellato a 700 km l’ora provocando così la carneficina di 150 esseri umani come me e voi, piccoli, giovani, anziani, uomini e donne - mi è venuto di pensare spesso alla probabile tremenda scena di queste  persone intrappolate, in balia del pilota suicida-omicida. 

23 marzo 2015

La disputa sull’ultimo Conclave

Dopo aver pubblicato due post relativi al problema evidenziato da Socci nel suo libro Non è Francesco, quello sulla validità o meno dell’elezione di Bergoglio, ne scrivo un altro un po’ più articolato contenente in sintesi i pareri espressi da diversi esperti in alcuni articoli pubblicati  in rete, i contributi di alcuni commentatori dei precedenti miei post e qualche riflessione personale in base a ciò che mi è sembrato di capire della questione.

17 marzo 2015

il Conclave indecidibile..?

Dopo aver scritto il precedente post  E' Papa oppure no?,  ho riflettuto sulla situazione che si sarà venuta a creare nell’ultimo Conclave, quello che il 13 marzo 2013 ha eletto Bergoglio.
Dal racconto della Piquè  (vedi nota 1) si è saputo che dopo la quarta votazione del giorno è stata fatta una conta delle schede che risultavano essere 116  anziché 115 e questo perché (dice la Piqué ) un cardinale elettore si era sbagliato inserendo assieme due schede che erano rimaste attaccate, una bianca e una votata: a quel punto  si è deciso di annullare la votazione  (ma di non bruciare subito le schede invalide) e si è proceduto a farne  un’altra (la quinta del giorno nonostante ne fossero permesse solo quattro).

2 marzo 2015

E' Papa oppure no?

Sto finalmente leggendo il libro di Socci Non è Francesco. Che dire? Socci è un grande giornalista e credo che abbia scritto un libro molto importante perché, come forse già sapete, fra le altre cose interessanti che ha detto, ha  anche mostrato che l’elezione di Papa Francesco forse è stata irregolare  e perciò nulla e invalida.

Quello che è successo in Conclave è stato rivelato nei dettagli dalla scrittrice argentina Piqué che sicuramente ha riportato confidenze di  Bergoglio, suo stretto amico sin da quando era cardinale in Argentina. D’altronde la sua versione non è stata mai smentita dal Vaticano e ha trovato conferme indirette per il fatto che lo stesso sito del Vaticano ha tessuto le lodi del suo libro quando è uscito…

11 febbraio 2015

Segnali dal futuro e libero arbitrio

In due precedenti post (qui il primo e qui il secondo) ho parlato di alcuni esperimenti ‘di frontiera’ sulla ‘premonizione’.
Uno di questi si riferiva alla capacità che avrebbe dimostrato la mente umana di influenzare un generatore di bit casuali (zero o uno) per dare un risultato voluto (ad esempio più zeri che uno). Questo esperimento cominciato anni  fa e tuttora in corso e i cui risultati aggiornati sono reperibili con questo link  sembrerebbe aver dato  risultati positivi, in quanto la media degli ‘azzeccamenti’ con un numero di prove molto elevato non è stata come ci si sarebbe aspettato se non ci fosse stata nessuna influenza, ma più elevata, anche se di poco. Fra l’altro pare che questa influenza si  presenti, involontaria, anche in caso di reazioni emotive come gioia o paura. Ma quello che  più sorprende è che gli stessi esperimenti sembrino aver dimostrato una qual certa capacità di prevedere il futuro (almeno inconsciamente), in quanto questi picchi  inizierebbero  'prima' di eventi importanti che accadono a livello globale (almeno secondo quanto sostenuto dagli esecutori della ricerca). C'è da dire in verità che la scienza ufficiale è un po' restia ad accettare tali risultati e che alcuni studiosi hanno espresso qualche perplessità sulla metodologia utilizzata, perciò quanto meno occorrerebbero altre ricerche in proposito prima di trarre conclusioni definitive, però...

22 gennaio 2015

I non dico ‘sono Charlie Hebdo’

Dopo la strage dei giornalisti della rivista satirica francese Hebdo, come  la maggior parte delle persone ho avuto un moto di rabbia misto a paura. Ma successivamente, quando mi è capitato di guardare alcune vignette sul cristianesimo pubblicate su quel giornaletto ‘satirico’ su cui essi scrivevano sono subentrati sorpresa e sgomento.
Intendiamoci, voglio subito sgomberare il campo ad eventuali equivoci: ovviamente, come essere umano e come cristiano condanno senza appello la strage, ma nel contempo mi chiedo quali possono essere stati i  ‘motivi’ che possano aver scatenato tutta questa comunque inammissibile violenza.

18 dicembre 2014

Nuove sulle Esperienze di Pre-Morte (NDE) (2^ parte)

Questo è il seguito di un post che ho pubblicato due anni fa sulle esperienze di Pre-Morte, conosciute con l’acronimo NDE. Tale post concludeva con la notizia che il dott. Sam Parnia, professore assistente di terapia intensiva all’Università Statale Stony Brook di New York,  in collaborazione con la Università inglese di Southampton, aveva lanciato il programma AWARE (AWAreness during REsuscitation – Consapevolezza durante la Rianimazione), la ricerca sulle esperienze riportate dai rianimati  che coinvolgeva 25 ospedali sparsi nel Regno Unito, Austria e Stati Uniti. Durante la ricerca AWARE, i medici avrebbero utilizzato una tecnologia avanzata per lo studio del cervello e della coscienza durante l'arresto cardiaco. Allo stesso tempo in questa ricerca i medici avevano in programma di testare la validità delle eventuali esperienze extracorporee e di ciò che i pazienti ‘vedono’ o ‘sentono’ durante l'arresto cardiaco, in particolare “la verifica dei ricordi relativi agli eventi di rianimazione” o "percezione reale" comprendente l'uso di oggetti nascosti che non sono normalmente visibili dal paziente.
Nel settembre di quest’anno (2014), dopo 4 anni di ricerche finalmente sono stati pubblicati i risultati...

4 dicembre 2014

Storicità di Gesù e mass media

Il professore di Religione del Liceo che frequentavo ci ripeteva spesso una frase che mi è rimasta impressa: “se qualcuno afferma che l’esistenza di Gesù non è provata storicamente lo potete considerare un ignorante”.
Quasi tutti gli storici sono propensi ad affermare che Gesù è veramente esistito. Infatti oltre alle fonti cristiane quali i Vangeli, di cui quelli di Matteo e di Marco possono essere considerati i più antichi e i più vicini ai tempi descritti (1), le lettere di Paolo di Tarso, e di Pietro, e di Giovanni e Giacomo, questi ultimi tre testimoni diretti, esistono anche molte fonti non cristiane e quindi ‘neutrali’ in cui vengono citati più o meno direttamente Gesù e i Cristiani. Tacito parla di Ponzio Pilato e della condanna a morte di Cristo (2), e ci sono altri cenni relativi ai cristiani e a Gesù reperibili negli scritti di Plinio il Giovane, Giuseppe Flavio (3) e Svetonio. E lo stesso Talmud babilonese ebraico parla in maniera ostile di Gesù, confermandone così la storicità (4).

22 novembre 2014

il Male nascosto

il Male vero è occulto, scava e corrode,  e man mano divora le fondamenta su cui poggia la nostra esistenza. E' come una talpa, non si vede, ma crea dei tunnel per raggiungere e consumare le radici che ci legano alla vita, per portarci al crollo e alla rovina. E’ un tentativo continuo e diabolico di far precipitare verso gli abissi di morte e odio quelle cose che stanno alla luce del sole e rappresentano la vita e l’amore.
Esso ebbe inizio in un tragico momento del non-tempo in cui degli esseri eccelsi di puro spirito, gli Angeli, comandati da Lucifero, decisero, per superbia e orgoglio, di ribellarsi all’Amore che  li aveva creati in maniera perfetta, tanto da prevedere  per loro la libertà e il libero arbitrio.
E questo Male, dopo l'inevitabile punizione, cominciò per vendetta il suo lavoro sotterraneo convincendo i nostri progenitori a peccare e poté quindi avere da allora libero accesso nella Creazione.

4 novembre 2014

Il Numero della Bestia - (2^ parte)

Questo è il seguito del precedente post con lo stesso titolo che ho scritto e pubblicato il 18 maggio 2014. Quello che in esso mi chiedevo era se per caso il numero 666, di cui parla l’Apocalisse di San Giovanni Apostolo, potesse riferirsi non proprio al ‘nome’ dell’Anticristo, come si è sempre creduto, ma a quello del suo sodale e precursore e cioè al Falso Profeta.

Il capitolo 13 dell’Apocalisse, in cui San Giovanni parla delle due Bestie, quella del Mare, cioè l’Anticristo e quella della Terra, cioè il Falso Profeta, nei versetti che vanno dal 16 al 18  dice  testualmente “ Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte; e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome. Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della Bestia: essa rappresenta un nome d’uomo. E tale cifra è seicentosessantasei.

15 ottobre 2014

Un Papa, due Papi, nessun Papa...

La confusione sembra essere diventata una caratteristica fondamentale  del nostro tempo.
Forse complice la stessa parola Crisi, che giornalmente ci viene sbattuta in faccia come un mantra dai mass-media, tutto sembra essere entrato in  fibrillazione e rapido peggioramento, come sta avvenendo, tanto per portare un esempio che ci riguarda da vicino, nell’ambito dei rapporti umani e sociali, che sembra stiano diventando sempre più difficili da gestire, nonostante i mezzi di comunicazione si siano fatti più potenti e a portata di mano.

24 agosto 2014

A proposito di profezie vere o false

Volendo ancora trattare di profezie faccio una premessa che dedico a quelli che arricciano il naso e dicono “abbiamo le Sacre Scritture e queste ci devono bastare”: li invito a rileggersi e meditare San Paolo quando dice “ Non spegnete lo Spirito, non disprezzate le profezie; esaminate ogni cosa, tenete ciò che è buono” (1Tessalonicesi 5, 19-20).

E a quelli che invece dicono che i nuovi profeti sono troppi o agli stessi veggenti che asseriscono di essere gli unici a cui Dio vuol parlare, ricordo anche questo altro passo del profeta Gioele  “ E avverrà negli ultimi giorni, dice Iddio, che io spanderò del mio Spirito sopra ogni carne e i vostri figli e le vostre figlie profeteranno, e i vostri giovani vedranno delle visioni, e i vostri vecchi sogneranno dei sogni. E anche sui miei servi e sulle mie serve, in quei giorni, spanderò del mio Spirito, e profeteranno” (Giole 2, 27-29).


Premesso ciò, come ho già riferito in altri miei post, da molti anni mi interesso di profezie e messaggi dati a veggenti in ambito cattolico e il problema principale  su cui mi sono trovato di fronte è stato quello di riuscire a distinguere tra ‘veggenti’ veri e quelli falsi, e una volta trovati quelli veri, cercare di capire possibilmente ciò che ci vogliono comunicare.

16 agosto 2014

Una strana omelia sulla Vergine


Nella festa dell’Assunta di quest’anno, durante la Messa,  mi è capitato di ascoltare una predica sulla Vergine che mi ha lasciato un po’ perplesso. C’è da dire che lo stile di alcune liturgie nel Santuario del paese in cui soggiorno nei mesi estivi  l’ho trovato  spesso poco accettabile per la mia sensibilità che qualcuno potrebbe definire  ‘tradizionalista’. La domenica mattina infatti di solito (adesso non la frequento più) ce n’era una in cui il prete al ‘Padre Nostro’ invitava i fedeli a tenersi per mano e formare anche in mezzo alla navata delle catene umane -  cosa che io mi sono sempre rifiutato di fare a costo di apparire scortese al vicino che magari mi sollecitava a farlo -  mentre durante il segno della Pace lasciava l’altare per dare la mano ai fedeli dei primi banchi. Fra l’altro, memore del fatto che era stata diramata dalla Congregazione della Liturgia e dei Sacramenti una comunicazione che proibiva espressamente al celebrante di lasciare l’altare per dare la mano ai fedeli, una volta,  alla fine di una di queste messe, andai in sacrestia per chiedere a quel sacerdote se fosse a conoscenza di questa disposizione, e mi sentii rispondere che sì  la conosceva ma che lui faceva come gli pareva e che se non ero contento potevo anche cambiare chiesa e assistere ad un’altra messa altrove…

15 luglio 2014

Dio e l’Universo, la Creazione e l’Evoluzione.

Il fatto che nel libro della Genesi vi sia il racconto della Creazione avvenuta in sei giorni mentre, anche a causa della teoria della Evoluzione e dei risultati sperimentali, sembrerebbe che  invece si sia sviluppata  nell’arco temporale di miliardi di anni, ha sempre comportato dei problemi per i credenti,  soprattutto per quelli   legati ad una interpretazione ‘letterale’ della Bibbia.

L’idea di scrivere questo post mi è venuta dopo gli interventi di un lettore che ha sostenuto che secondo l'interpretazione letterale l’unica cosa che si può concedere è che la Creazione sia avvenuta  nell’arco di seimila anni terrestri, visto che viene anche detto che ‘per il Signore mille anni sono come un giorno’ (1).

Nel cercare di risolvere il dilemma o quantomeno tentare una spiegazione che sia  plausibile, senza la pretesa che sia la verità, considererò le seguenti ipotesi cercando di mostrare che non sono in disaccordo:
1) Quella ‘scientifica’ della teoria evoluzionistica, nella variante degli equilibri punteggiati di Gould, che è una ‘spiegazione’ di fatti accertati sperimentalmente e non, anche se comunque sempre una ipotesi
2) Quella ‘mistica’, e cioè la descrizione fornita da Don Guido Bertoluzzi sulla creazione delle diverse specie.

29 giugno 2014

Riflessioni di fine anno dedicate ai miei alunni...


Alla fine di quest’anno scolastico mi è sorto il desiderio di fare qualche riflessione sul mio essere insegnante. Questa analisi la voglio dedicare ai miei alunni che stanno affrontando l’esame di maturità e che fra poco lasciando la scuola, in cui sono stato loro docente per anni, si cimenteranno con le difficoltà della vita.

Forse era destino che diventassi insegnante, probabilmente era quello lo scopo della mia esistenza. Quando ero piccolo, in campagna da mio nonno, mi capitava spesso di mettermi alla finestra della casa rurale che dava sul vasto vigneto di vigne basse che oscillavano al vento e di parlare ad esse come fossero alunni: già allora mi piaceva spiegare, si vede che è il modo con cui l'Altissimo mio Creatore ha voluto che portassi a compimento il mio dovere nel pellegrinaggio terreno.

2 giugno 2014

Veri e Falsi Profeti

Da tempo mi interesso  di messaggi mistici e  rivelazioni private. Siccome sono credente li leggo, forse anche perché pressato dalla necessità di capire i segni e conoscere i consigli che il Cielo ci può dare per vivere i nostri tempi difficili e per poter così in qualche maniera affrontare il futuro. E  forse  perché  ho un desiderio più o meno inconscio di dialogo con il Cielo.

Qualcuno sostiene che è pericoloso dar fiducia  ai messaggi in quanto per un cattolico ci sono già in aiuto, e molto più sicuri, il Vangelo, gli scritti dei Padri e dei Dottori della Chiesa,  le storie delle vite dei Santi, oltre che l’insegnamento dei Pontefici. E’ vero, ma per dirla con San Paolo, credo che non si debbano disprezzare le profezie, ma  analizzarle e ritenere ciò che è buono.

Con l’era della comunicazione globale e con Internet si leggono i messaggi anche più insulsi che spesso i nostri contatti o amici ci inviano e se Dio ci vuole parlare dovremmo tapparci le orecchie? Io credo che nel corso dei secoli il Cielo non abbia mai smesso di inviarci segni e profeti e che ora anzi forse lo faccia con più forza perché questi tempi sono diventati veramente complicati e pericolosi a causa delle tentazioni, degli inganni e dei tranelli che ci assediano, tanto che  pare ormai che ci stiamo avvicinando alla resa dei conti finale (nota 1).

18 maggio 2014

Il Numero della Bestia

Mi ha sempre incuriosito il capitolo 13 dell’Apocalisse, quello in cui San Giovanni parla delle due Bestie, quella del Mare, l’Anticristo e quella della Terra, il Falso Profeta. In particolare per me sono notevoli i versetti che vanno dal 16 al 18 quelli che recitano  “ Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte; e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome. Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d’uomo. E tale cifra è seicentosessantasei.

Da tempo mi chiedo come sono da interpretare soprattutto le parole che ho sottolineato. Chiaramente bisognerebbe conoscere il greco antico, per cui spero che qualche esperto abbia la voglia e la pazienza di andare a controllare per vedere se le cose che ipotizzerò possano in qualche modo avvicinarsi o non essere del tutto incompatibili con il significato  che emerge dal testo in lingua originaria [che si può trovare e leggere con questo link (oppure nella nota 1 )]

4 maggio 2014

Segni o coincidenze?

Sin dagli albori dell’umanità l’uomo ha  assegnato anche un significato ‘spirituale’ ad alcuni  fenomeni naturali quali fulmini, terremoti, eclissi o passaggi di comete: li ha considerati come segni inviati dalle divinità per avvisarci di qualcosa.
In questi ultimi tempi sono avvenuti dei segni legati ad eventi, oggetti  o luoghi religiosi che hanno colpito l’immaginario collettivo.
Certo gli atei non potranno mai ammettere che il Cielo invii dei segnali per avvertirci o ammonirci e questo semplicemente perché non credono nell’esistenza di Dio, (anche se però  molti  di loro mostrano di essere superstiziosi e pensano che ad esempio se un gatto nero attraversa la strada allora qualcosa andrà male).
Chi crede pensa che Dio si serva ogni tanto di segni non ordinari per mettere in allerta le proprie creature su quello che potrebbe succedere se non cambiano condotta. Infatti il credente pensa giustamente che essendo Dio un Padre Misericordioso, se invia o permette che accadano certi eventi lo fa non per il gusto di spaventare ma per avvertire in maniera tale però da non  violentare il libero arbitrio, infatti lo fa in maniera discreta senza manifestarsi apertamente, in modo da lasciare a chi non crede anche la libertà di non accettare tali segni. Ricordiamoci del ‘Deus Absconditus’, cioè del fatto che Dio ama stare nel chiaroscuro. C’è sempre tanta luce per credere ma anche tanta ombra per non credere…
Ecco comunque alcuni di questi ‘segni’ che mi sono sembrati degni di nota e che sono accaduti nel periodo della durata di circa un anno..

10 aprile 2014

Confronto tra due Miracoli Eucaristici (Lanciano e Buenos Aires)

Esistono due eventi legati al Sacramento delll’Eucaristia che sono accaduti in tempi e località differenti ma che sembrano molto simili: uno a Lanciano nell’ottavo secolo d. C. e l’altro a Buenos Aires, nel 1996, ovvero nel ventesimo secolo. Già in due articoli precedenti del mio Blog ho analizzato quello di Lanciano, conosciuto da molto tempo, per cui di esso  parlerò brevemente invitando il lettore a leggersi tali post se vuole saperne di più. Descriverò invece in maniera più dettagliata quello di Buenos Aires, venuto alla ribalta dopo l’elezione al soglio pontificio di Bergoglio, già arcivescovo nella capitale argentina, che autorizzò le indagini scientifiche sul caso avvenuto nella diocesi di sua competenza.
Dopo aver raccontato la storia degli accadimenti elencherò i risultati ottenuti dalle ricerche effettuate, mettendoli a confronto per evidenziare  analogie o diversità.

13 marzo 2014

La Sindone e la disinformazione laicista

Ieri ho rivisto un film inchiesta uscito nel 2012, ‘La notte della Sindone’, della brava regista Francesca Saracino, in cui Rosalinda Celentano fa da guida in quello che sembra essere un vero e proprio giallo, la cronaca delle vicende che hanno accompagnato la Sindone, nel periodo che va  dal 1980 al 1988, e che ebbe come esisto finale il risultato della datazione col C14 che collocava il reperto in un periodo compreso tra il 1260 e il 1390 d.C.
La vicenda partiva nel 1980 quando ormai, dopo gli studi condotti da un folto gruppo di scienziati, lo STURP, sembrava assodato che la Sindone era, con un margine di dubbio infinitesimale, risalente all’epoca di Gesù Cristo e che avesse avvolto proprio il suo corpo crocifisso. Infatti troppe erano le concordanze che erano state trovate fino a quel momento, e riconfermate con 120 ore di analisi varie di laboratorio, per poter mettere in dubbio tale fatto.

Fra l’altro era stato provato che il lenzuolo recante l’impronta non è un dipinto e neanche una bruciatura eventualmente ottenuta con un bassorilievo riscaldato. Inoltre era stato scoperto che l’orma porta anche una informazione tridimensionale del cadavere, senza soluzione di continuità tra parti in contatto col corpo e parti non in contatto, e che sotto le macchie di sangue, vero sangue umano del gruppo AB, non esiste immagine. Quindi il sangue si era depositato prima che si imprimesse l’immagine, e si trovava nei punti giusti, con un processo  inverso rispetto a quello che avrebbe usato qualunque falsario.
Inoltre il lenzuolo era stato in contatto col cadavere per non più di 36 ore, mancando completamente segni di putrefazione, ed  era stato tolto dal corpo senza lasciare segni di 'strappo' nelle tracce di sangue delle ferite.

27 febbraio 2014

Il commercio e la finanza nel Nuovo Ordine Mondiale

Per quanto possa sembrare incredibile gli stati europei stanno trattando per limitare la loro libertà legislativa  a favore delle multinazionali, libertà che dovrebbe essere invece a difesa dei diritti dei cittadini.
Un progetto simile era stato già negoziato segretamente dal 1995 al 1997 sotto la sigla ‘Mai’ dai ventinove stati membri dell’Ocse ma esso fallì perché, essendo stato divulgato dalla stampa,  sollevò una elevata ondata di proteste.
Quindici anni più tardi, esso fa il suo ritorno sotto nuove sembianze.
Il tutto viene spiegato in un articolo che si trova in rete e che potete trovare e leggere qui. In questo post ne sintetizzo il contenuto...